dal VII SECOLO A.C. ad OGGI
  IL PROFUMO DELLE ORIGINI  


Il Greco di Bianco, chiamato anche NETTARE DEGLI DEI, è considerato il
vino più antico d’Italia. Il suo colore dorato, l’odore caratteristico ed il sapore caldo e morbido regalano a chiunque lo assaggi, un’ebottiglia2sperienza sensoriale unica, esclusiva, divina!
Il primo tralcio della preziosa pianta
giunse sulle coste calabresi nel VII secolo a.C. quando i Greci sbarcarono presso Capo Bruzzano, (allora promontorio Zefiro).
Il microclima dell’area, simile a quello Greco, crea condizioni ottimali per il vitigno Greco Bianco, con i suoi grappoli, gli acini piccoli e tondeggianti e la buccia sottolissima.
Nel 1980 l’antichissimo nettare ottenne il Marchio DOP.

 LA TRADIZIONE 

Il vitigno Greco Bianco cresce esclusivamente sul versante ionico della fascia costiera reggina, nel territorio del comune di Bianco ed in una piccola parte nel comune limitrofo VILLA ROMANA. Quest'area fa parte della cosidetta COSTA DEI GELSOMINI. La famiglia MOSCATELLLO vanta antiche tradizioni nella coltivazione e nella produzione di agrumi, olio e vino. L'azienda i cui territori si trovano in località Marrapodi nel comune di Bianco, produce vino Greco di Bianco seguendo il disciplinare di produzione, sotto l'attenta giuda dei tecnici di settore, utilizzando esclusivamente uve del vitigno autoctono Greco Bianco, i cui acini , prima di essere spremuti, vengono appassiti su graticci di canne al sole per 8-10 giorni in modo da concentrare gli zuccheri. Infine il vino viene messo in commercio dopo 13 mesi dalla vendemmia.

 I SAPORI 

Il Greco di Bianco ha un sapore unico, esclusivo. E’ un ottimo vino da DESSERT che si abbina perfettamente alla pasticceria secca e ai dolci a base di pasta di mandorle (temperatura di servizio consigliata 14-16 °C), ma può essere gustato anche con PIETANZE SALATE, in particolare con formaggi stagionati o piccanti o con piatti a base di pesce o di uova  (temperatura di servizio consigliata 10-12 °C).
Queste le parole usate dall’enologo Veronelli per descrivere il Greco di Bianco: “Una gemma enologica...ha un colore tra l’oro antico e l’ambra, un profumo unico, amaro e aromatico come le zagare ed il bergamotto.

 LAYOUT GRAFICO 

Il marchio scelto dall’azienda, ideato da Elisa Morano, vuole coniugare la semplicità delle forme contemporanee con gli elementi della tradizione.
Per tale motivo il logo contiene i simboli di quest’area geografica: la linea che ricalca l’andamento del LITORALE IONICO, un GELSOMINO fiore che dà nome alla costa;  un ACINO D’UVA dal colore caldo.
Gli altri colori utilizzati sono il bianco ed il nero, per un packaging moderno ma elegante. Il tutto è rappresentato da poche linee essenziali.

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.